Commissione per la promozione della qualità


Ti trovi nella versione precedente della nostra Pagina Web

« VAI ALLA NUOVA VERSIONE

 

Storia

Nell’ambito del Processo di Bologna (www.bolognaprocess.it), nel 2005 la Congregazione per l’Educazione Cattolica (CEC) ha chiesto a tutte le Università ecclesiastiche di creare all’interno di ciascuna una Commissione per la Promozione della Qualità (CPQ).

Secondo le indicazioni della CEC, i compiti principali della CPQ sono: a) redigere un piano strategico istituzionale; b) identificare strumenti per la qualità; c) creare un database per guidare e compiere effettivamente il processo di autovalutazione dell’università.

Questo processo di autovalutazione periodica va fatto in collaborazione con l’Agenzia per la Promozione e la valutazione della Qualità (AVEPRO), istituita dalla Santa Sede con il proposito di stimolare la qualità della ricerca e dell’insegnamento nelle istituzioni accademiche ecclesiastiche e valutarne la conformità con gli standard internazionali.

In risposta a queste sollecitazioni, all’inizio dell’anno 2006 il Rettore magnifico istituì una prima Commissione, composta da cinque professori e un dipendente della Segreteria delle Facoltà, con il compito di elaborare la Guida alla valutazione istituzionale, tenendo conto delle indicazioni avute fino a quel momento dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica. Tale Guida è stata studiata e approvata dal Senato Accademico nel maggio del 2007.

Successivamente, il Rettore, d’accordo con il suo Consiglio, ha creato la CPQ, composta attualmente di cinque persone: un Presidente, Vicerettore Accademico dell’Università; un Direttore per la Promozione della Qualità (DPQ), professore ordinario che non ha cariche di governo nell’Università; due docenti, anche loro senza cariche di governo nell’Università; e un impiegato/dirigente non docente.

La Commissione

I componenti della CPQ sono attualmente i seguenti:
  • Rev. Prof. Pablo Gefaell (Presidente, Vicerettore Accademico della PUSC)
  • Rev. Prof. Ignacio Yarza (DPQ, Ordinario di Storia della Filosofia Antica)
  • Rev. Prof. Francisco Fernández Labastida (Docente di Storia della Filosofia contemporanea)
  • Rev. Prof. Marcos Arroyo (Docente di Spiritualità)
  • Dott. Stefano Bargioni (Vicedirettore della Biblioteca)

La CPQ svolge anche i compiti dell’Ufficio per la Promozione della Qualità.

L’indirizzo email della CPQ è: promoqualita [at] pusc [dot] it (subject: Da%20pagina%20web)

Autovalutazione interna

Dalla data della sua creazione, la Commissione ha preparato, sempre in stretto contatto con le Facoltà e con l’ISSRA, i seguenti questionari:

  • Questionario per la valutazione dell’Università da parte dei docenti delle Facoltà
  • Questionario per la valutazione dell’Università da parte dei docenti dell’ISSRA
  • Questionario per la valutazione dei servizi generali dell’Università da parte degli studenti
  • Questionario per la valutazione dei servizi generali dell’Università da parte degli studenti dell’ISSRA
  • Questionario per la valutazione dei corsi delle Facoltà
  • Questionario per la valutazione dei corsi dell’ISSRA
  • Questionario per l’autovalutazione del lavoro di ufficio da parte dei dipendenti

A partire dal mese di maggio 2011 è cominciato il lavoro di distribuzione e di analisi dei dati dei diversi questionari. Prima sono stati proposti i questionari per la valutazione dei servizi generali dell’Università e il questionario ai docenti. Nel mese di settembre 2011 è stato proposto il questionario per l’autovalutazione del lavoro al personale non docente. Nel mese successivo sono stati proposti, agli studenti e ai docenti dell’ISSRA, i questionari corrispondenti. Infine, nel mese di gennaio 2012, è stato distribuito il questionario per la valutazione di ogni singolo corso agli studenti delle Facoltà. A partire da tale data, la valutazione online di ogni singolo corso è diventata una pratica abituale.

I risultati dei questionari generali – sondaggi cumulativi – vengono consegnati anche ai rappresentanti degli studenti; la valutazione dei singoli corsi è comunicata alla Facoltà, che la trasmette, insieme al sondaggio cumulativo su tutti i corsi, ai docenti interessati.

Per l’elaborazione del Report di Auto Valutazione (RAV) dell’Università, la Commissione si è rivolta a ognuna delle Facoltà, all’ISSRA e alle diverse Unità che fanno parte dell’Università, chiedendo loro di preparare un proprio report con l’ausilio dei dati ricavati dai questionari, della Guida per la valutazione istituzionale del 2007 e del documento La cultura della Qualità redatto dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica.

Ogni Facoltà, come consigliato dalla CPQ, ha affidato a una commissione di due o tre professori non appartenenti al Comitato Direttivo l’elaborazione del report che, successivamente, è stato sottoposto al Comitato Direttivo di ogni Facoltà perché esprimesse il proprio parere al riguardo.

La Commissione si è valsa dal lavoro delle Facoltà e degli altri Centri e Uffici per compilare il report complessivo dell’Università. Nell’elaborazione del report complessivo, per evitare di stravolgere il lavoro precedentemente svolto dalle Facoltà e dalle altre unità, la Commissione ha sottoposto al giudizio dei corrispondenti Comitati Direttivi delle Facoltà e al Rettorato il lavoro da essa realizzato.

Il primo RAV è stato editato il 2 ottobre 2012 e poi consegnato all’AVEPRO che a sua volta lo trasmette ai membri della Commissione di Valutazione esterna dell’Università.

Valutazione esterna

Nei giorni 10-11 dicembre 2013 ha avuto luogo la Visita della Commissione per la valutazione esterna. Ne facevano parte: Rev. Prof. Ángel Galindo García (coordinatore), Rettore dell’Università Pontificia di Salamanca (Spagna); Rev. Prof. Giacomo Canobbio, docente nella Facoltà teologica dell’Italia settentrionale; Rev. Prof. Ulrich Rhode, S.J., docente di Diritto canonico nella Facoltà Filosofico-Teologica Sankt Georgen (Frankfurt am Main, Germania); Prof.ssa Vera Negri Zamagni, professore ordinario dell’Università di Bologna; e Sig. Andrea Franzoni, dottorando nella Facoltà di Teologia dell’Emilia-Romagna.

Il Rapporto della Commissione è stato redatto nel mese di maggio 2014 ed è disponibile sul sito dell'AVEPRO.