XX Convegno di Filosofia: riflessione su coscienza e identità personale


Ti trovi nella versione precedente della nostra Pagina Web

« VAI ALLA NUOVA VERSIONE

 

Dal 27 al 28 febbraio ha avuto luogo il XX Convegno della Facoltà di Filosofia sul tema "Coscienza e identità personale.
Prospettiva filosofica e neuroscientifica".

L'iniziativa ha preso spunto dalla constatazione che i problemi della coscienza e dell'identità personale sono oggi tra le questioni più dibattute. Grazie all'apporto della fenomenologia e della filosofia della mente – spiegano gli organizzatori – la tematica viene ampliata ad ulteriori aspetti come “l'intenzionalità, la soggettività in prima persona, l'inconscio, la coscienza del corpo e il rapporto con le altre menti”. Per cui, di fronte a questi “nuovi orizzonti”, si rende necessaria una riflessione più approfondita “orientata al discernimento e all'integrazione dei diversi sensi della coscienza”.

Si è offerta una riflessione interdisciplinare con studiosi di fama internazionale sui temi della coscienza e dell'identità personale, come contributo all'attuale dibattito tra la filosofia e la neurobiologia.

Al convegno hanno partecipato circa 100 iscritti, tra professori di scienza e di filosofia, studiosi e professionisti interessati alle grandi questioni della cultura scientifica, provenienti da 14 paesi.

Oltre 40 le comunicazioni presentate, suddivise per vari ambiti tematici, che vanno dalla storia della filosofia, passando per la fenomenologia, la neuroscienza, l'etica, la dimensione sociale e l'intelligenza artificiale.

Tre i nove relatori principali, la prof.ssa Sara Heinämaa (Università di Helsinki) che interverrà su “Una visione fenomenologica della persona, delle sue strutture temporali e delle sue dimensioni corporee”; la prof.ssa Lucia Urbani Ulivi (Università Cattolica di Milano), su “Interrogativi filosofici sull'identità personale. Il contributo delle neuroscienze”; il dott. Fabio Paglieri (Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione di Roma), su “Auto-coscienza, forza di volontà e azione intenzionale a lungo termine”.

Il secondo giorno è attesa la partecipazione della prof.ssa Carmen Cavada (Università Autonoma di Madrid), su “Circuiti neurali coinvolti nella coscienza e nell'auto-coscienza”; il prof. Fortunato Arecchi (Università di Firenze e CNR), su “Il ruolo delle coscienza in due compiti differenti: l'apprensione e il giudizio”; la prof.ssa Natalia López Moratalla (Università di Navarra) su “Il tempo soggettivo: un apporto della neuroscienza alla questione della coscienza e dell'identità personale”; e il prof. Ranulfo Romo (Università Autonoma del Messico), su “Percezione cosciente degli stimoli sensoriali”.

Dalla Santa Croce sono intervenuti il prof. Juan José Sanguineti, su “La consistenza ontologica della coscienza nel pensiero classico” e il prof. Ariberto Acerbi, su “L'apertura dello spirito: coscienza, vita, dialogo”.