Dipartimento di Teologia Spirituale


Ti trovi nella versione precedente della nostra Pagina Web

« VAI ALLA NUOVA VERSIONE

 

Perché studiare Teologia spirituale oggi?

La nuova evangelizzazione, così incoraggiata dagli ultimi Pontefici, richiede evangelizzatori che sappiano comunicare l’esperienza di Dio con un linguaggio attuale, attraente e comprensibile, nonché permeato da un profondo senso teologico. La filiazione divina e il rapporto personale con Cristo sono punti di riferimento centrali del nostro insegnamento, che cerca di dialogare con altre scienze umane per venire incontro agli interessi degli uomini del nostro tempo.


Chi può essere interessato?

Il programma di studio è indirizzato alla formazione teologica di:

  • professori di spiritualità
  • direttori e accompagnatori spirituali
  • formatori dei seminari
  • formatori e formatrici dei noviziati
  • tutti coloro che avranno cura pastorale dei laici.


Perché studiare da noi?

Per tre motivi:

  • Vogliamo che da Roma si diffonda uno slancio missionario cattolico, cioè veramente universale.
  • Abbiamo ereditato il carisma ecclesiale di San Josemaría: una spiritualità secolare che conosce bene il mondo della famiglia e del lavoro.
  • Offriamo un’attenzione personalizzata ai nostri studenti, convinti che la formazione si sviluppi meglio in un clima amichevole e familiare.

Bacheca

Commento del prof. Vial su El Mercurio all'Enciclica "Laudato Si...

Il prof. Vial ha pubblicato un commento sull'ultima Enciclica di Papa Francesco. Notizia - Visita blog El Mercurio

Novità editoriale

Il prof. Vial ha pubblicato Psicologia e vita cristiana. Cura della salute mentale e spirituale.

Più informazioni

Giornata di studio sulla Vita Consacrata

Mercoledì 6 maggio 2015, c'è stata una Giornata di studio sulla Vita consacrata, nell'Anno ad essa dedicato, organizzata dal prof. Touze, del nostro Dipartimento e dal prof. Puig, della Facoltà di Diritto Canonico.

Ulteriori informazioni

 

Secondo volume degli atti "San Josemaría e il pensiero teologico"

Il testo è stato curato dal prof. López Díaz, docente della cattedra "San Josemaría Escrivà".